Partiamo da due dati chiave: circa il 55% degli italiani non ha votato alle ultime elezioni amministrative e solo un terzo degli studenti è a conoscenza dell’introduzione dell’educazione civica nelle scuole (Fonte: Ipsos). Eppure, tra gli studenti che ne sono a conoscenza, più della maggioranza pensa che l’insegnamento dell’educazione civica sia utile e interessante.

Come possiamo vincere l’apparente disinteresse e la dilagante sfiducia nelle istituzioni e nell’attivismo politico? L’educazione civica è una freccia al nostro arco per contrastare questo fenomeno a patto che essa non venga svalutata o passi inosservata: questo insegnamento dev’essere considerato in tutta la sua portata rivoluzionaria!

Parlare di educazione civica in classe richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di leggere la costituzione e ripetere a memoria gli articoli che la compongono. Non può significare soltanto imparare l’inno nazionale e la sua collocazione storica. Non può soddisfarci trattare questo insegnamento alla stregua di un ripasso del codice della strada.

Insegnare educazione civica significa innanzitutto appassionare studenti e insegnanti sui temi di attualità, italiana e internazionale, e saper guardare oltre le finestre della propria aula con spirito critico, sentendosi parte integrante della comunità in cui si vive e sottolineando i legami che ci connettono con le questioni globali. Internazionalizzare l’educazione civica e renderla un insegnamento coinvolgente è un’arma efficace contro la sfiducia verso il futuro e verso la propria comunità.

Noi di Reattiva abbiamo accettato questa sfida: crediamo in questo insegnamento e ce ne occupiamo da tanti anni. Così, abbiamo messo a punto percorsi con metodologie innovative e coerenti con l’insegnamento proposto. È possibile insegnare i valori democratici con metodi autoritari? È possibile stimolare la partecipazione degli studenti ribadendo di stare “zitti e buoni” (per citare un gruppo musicale sulla cresta dell’onda)?

Reattiva propone percorsi di educazione civica su tematiche attuali con un respiro nazionale e internazionale. I percorsi sono strutturati sulla base delle metodologie di transformative learning, che fanno leva sulla motivazione degli studenti e delle studentesse e su metodi non frontali, attraverso giochi di ruolo, dibattiti animati, ascolto di musica e visione di filmati originali.

Se quindi siete insegnanti, educatori e formatori, potete usufruire dei nostri corsi di formazione qualora vogliate dedicare le vostre attenzioni a strutturare lezioni e percorsi efficaci di educazione civica. I nostri strumenti sono tre: un percorso sul tema della moda e sugli impatti socio-ambientali della fast fashion; un percorso di cittadinanza economica sulla teoria del consumatore e sull’economia circolare; un percorso sulle 5P dell’Agenda 2030.

Tutti questi corsi sono pensati per il personale docente e sono proposti in modo semplice per spiegare come portare questi contenuti in classe in modalità ludico-didattica. Oltre a pratiche video-lezioni da guardare quando e dove si vuole, l’insegnante ha anche la possibilità di aiutarsi con un portale web dedicato (con linee guida) da usare in classe per poter seguire un fil rouge e ritrovare comodamente tutti i materiali e le fonti.

Scopri di più sulla nostra pagina dedicata ai corsi di formazione: https://www.reattiva.org/corsi-formazione

Condividi articolo

potrebbero interessarti anche

news

Nuovi strumenti per fare educazione civica

Per fare Educazione Civica non possiamo accontentarci di spiegare gli Articoli della Costituzione come fossero parole scalfite nella pietra.

09/11/2022 1220
news

È online il nostro bilancio sociale

Il resoconto del nostro primo anno di attività

28/10/2022 1259
news

Al via le prime settimane di scuola

Scopri le nostre proposte di laboratori per l’A.S. 2022-2023

27/09/2022 965

approfondimenti inerenti all’argomento