• informazioni
  • calendario
  • docente
  • recensioni

Panoramica del corso

1. PRESENTAZIONE

La co-progettazione è oggi un concetto sempre di più utilizzato al posto della semplice progettazione perché, in linea con gli sviluppi più recenti in ambito di cooperazione sociale e internazionale, mette al centro la capacità dei progetti di diventare strumento per trasformare semplici reti territoriali in vere e proprie comunità di pratica e di apprendimento (co-programmazione). La co-progettazione consente di ottimizzare le competenze di diversi stakeholder, per raggiungere impatti positivi in termini di sostenibilità economica e sociale. Se parliamo di gestione dell’impatto, impact management, la co-progettazione è uno dei primi passi da compiere per capire come mettere a terra gli outcome delineati nella pianificazione strategica.

Ci troviamo spesso a correre dietro ai bandi, perché i progetti ci permettono di tenere in piedi le nostre organizzazioni. Ma quanto la scrittura dei progetti è condivisa con partner, gruppi target, o eventuali altri portatori di interesse? Quanto i nostri progetti valorizzano le risorse e le competenze esistenti? Quanto invece sono scritti a tavolino, anche con input dei gruppi target, ma senza dare valore alle molteplici diversità che caratterizzano i territori? La co-progettazione può spaventare, perché impone il confronto, accordi chiari, trasparenza, ma soprattutto impone una chiara visione di dove si vuole arrivare, quali sono i cambiamenti che ogni stakeholder deve affrontare a partire da problematiche ben studiate, e quali sono quindi i migliori beni, prodotti o servizi che si possono mettere a disposizione delle persone, delle organizzazioni, delle comunità per cambiare. Deciderlo insieme, monitorarlo insieme, verificare insieme e costantemente se i cambiamenti arrivano, durante il progetto, valorizzare insieme le buone pratiche, sono tutti elementi portanti di una buona co-progettazione.

Il corso dunque intende fornire un inquadramento teorico e competenze da spendere immediatamente nella propria professione o all’interno delle proprie organizzazioni nell’ambito della co-progettazione, valorizzando anche le recenti linee guida ministeriali sulle partnership fra la Pubblica Amministrazione e gli Enti del Terzo settore e le opportunità aperte dal PNRR. E’ il risultato di una co-progettazione tra Reattiva e Mapping Change, che metterà a disposizione dei partecipanti gli oltre 25 anni di esperienza nel settore, i risultati degli ultimi studi sull’approccio della Theory of Change e casi concreti di sviluppo di co-progettazioni territoriali messe in campo in questi anni dal team dei propri consulenti. Grazie alla doppia esperienza lato finanziatore e lato soggetto del Terzo Settore di Mapping Change, sarà possibile evidenziare opportunità e criticità di differenti approcci alla progettazione. Particolare attenzione, infine, sarà dedicata agli aspetti di pianificazione e gestione dell’impatto sociale generato attraverso i progetti.

Il corso è a cura di Christian Elevati e Cecilia Rossi Romanelli.

 

IMPACT CYCLE LAB

Il corso “Co-progettare con la Teoria del Cambiamento” fa parte del ciclo IMPACT CYCLE LAB una serie di tre masterclass dedicate alla gestione del ciclo dell’impatto sociale.

Le altre masterclass previste sono:

Se sei interessato/a a partecipare al ciclo di tre masterclass scrivici qui: www.reattiva.org/contatti. Puoi risparmiare più del 25%!

 

2. DESTINATARI

Il corso si rivolge a professionisti del Terzo Settore, della Pubblica Amministrazione e delle Fondazioni private, con ruoli di progettazione e responsabilità nella definizione delle strategie territoriali e delle relazioni con gli stakeholders chiave.

 

3. COSA OTTERRAI CON QUESTO CORSO

  • Conoscerai in dettaglio le fasi principali che caratterizzano l’approccio della Teoria del Cambiamento alla co-progettazione.
  • Comprenderai, anche grazie a casi studio e simulazioni, esercizi e discussioni in plenaria, perché un approccio basato sulla Teoria del Cambiamento consente di ottenere migliori risultati in tutte le fasi del Ciclo di Progetto, compresa quella della raccolta di finanziamenti e fondi a sostegno della propria idea progettuale.
  • Saprai sviluppare le fasi fondamentali della co-progettazione con l’approccio della Teoria del Cambiamento.

 

4. METODOLOGIA

L’approccio metodologico di Reattiva, maturato in oltre 30 anni di formazione e facilitazione di gruppi di lavoro, fa riferimento alla teoria Transformative Learning, che considera tre dimensioni interdipendenti per un apprendimento attivo ed efficace:

  • La dimensione cognitiva, legata alla sfera della conoscenza;
  • La dimensione comportamentale, legata alla sfera dell’agire e allo sviluppo delle abilità e delle competenze utili per mettere in pratica le conoscenze acquisite;
  • La dimensione socio-emotiva, legata alla sfera dell’essere, della crescita personale e dell’empatia.

Secondo questo approccio, la coerenza tra i contenuti e il modo in cui essi vengono proposti è essenziale per liberare il potenziale trasformativo delle persone e delle organizzazioni, permettendo loro di esprimere il meglio di sé. Questo significa che i corsi non si accontentano di “trasferire contenuti”, ma forniscono continuamente rimandi teorico-pratici a come essi possono venire applicati e a quanto sono in grado di influire sulle nostre convinzioni e comportamenti.

In tutte le fasi del processo di apprendimento, i facilitatori di Reattiva accompagnano i docenti con l’obiettivo di aiutare il gruppo a crescere insieme sui contenuti emersi, a farli propri e a trasformarli in modo che diventino materia viva, modellata sui bisogni di ciascuno. In collaborazione con i docenti, i facilitatori disegnano e propongono alcune possibili strade da seguire, offrono strumenti per stimolare l’intelligenza collettiva, sono attenti a rendere chiari tutti i passaggi, si preoccupano che tutti siano coinvolti, verificano il raggiungimento degli obiettivi e misurano l’impatto del lavoro svolto. Un lavoro prezioso e continuo che rappresenta il marchio di fabbrica dei corsi di Reattiva.

 

5. CONTENUTI

  • Breve presentazione di sé stessi e della propria professione inerente al corso in oggetto (anche per preparare e facilitare il networking post-corso).
  • Sintetica panoramica del corso nel suo complesso.
  • Gli aspetti centrali della Teoria del Cambiamento e perché se ne parla così tanto oggi, con esempi e casi studio.
  • Che cosa significa rimettere davvero al centro gli stakeholder: retorica vs realtà.
  • Come mettere a terra la pianificazione strategica, partendo da outcome specifici.
  • Simulazione, per sottogruppi e in plenaria, delle principali fasi dell’approccio Teoria del Cambiamento alla co-progettazione, messa a terra degli outcome e definizione degli interventi.
  • Ruolo dei differenti stakeholder nella coprogettazione.
  • Integrazione con i formulari e il PCM, generalmente richiesti da donors.
  • Opportunità e le criticità del metodo proposto, anche alla luce del contesto attuale (linee guida ministeriali, effetti della pandemia, realizzazione del PNRR ecc.).
  • Suggerimenti pratici per evitare gli errori più comuni e riportare l’attenzione su aspetti spesso sottovalutati.

 

6. MATERIALI

Ai partecipanti verranno consegnate tutte le slide utilizzate dal formatore e una sito-bibliografia sul tema.

 

7. DATE E ORARI DEL CORSO

  • 1 giugno dalle 17 alle 19.30
  • 8 giugno dalle 17 alle 19.30
  • 15 giugno dalle 17 alle 19.30
  • 22 giugno dalle 17 alle 19.30

Termine delle iscrizioni: venerdì 27 maggio ore 14.

 

7. ULTERIORI INFORMAZIONI E SCONTI PER LE ORGANIZZAZIONI NO PROFIT

Le lezioni si svolgeranno in Live Streaming tramite la piattaforma Zoom. Riceverete i link degli incontri in seguito all'acquisto del corso.

Se sei un'organizzazione e vuoi acquistare ticket a prezzo scontato scrivici qui: www.reattiva.org/contatti

Lo sconto è del 10% per le iscrizioni singole e del 25% per le iscrizioni di 3 o più operatori/operatrici.

 

9. I NUMERI DELLA PRIMA EDIZIONE

La prima edizione del corso si è svolta a ottobre 2021 e hanno partecipato 14 persone. Guarda le foto su Facebook, Instagram o Linkedin.

Dettagli
  • 4 INCONTRI
  • 10 ore
  • Livello: esperto

La tua agenda

01 Giugno 17:00
Incontro in streaming

17:00/19:30

08 Giugno 17:00
Incontro in streaming

17:00/19:30

15 Giugno 17:00
Incontro in streaming

17:00/19:30

22 Giugno 17:00
Incontro in streaming

17:00/19:30

Docente

Mapping Change

Docente
Vedi il profilo

Mapping Change è un'offerta di consulenza integrata, nata per rispondere in modo personalizzato alla crescente necessita? delle organizzazioni di ripensarsi. Il contesto attuale è particolarmente sfidante, ricco di insidie, ma anche di opportunita?, per chi ha a cuore il futuro delle nostre comunità e del pianeta e pone al centro della propria strategia l’innovazione sociale e l’impatto generato, nel Terzo Settore come in ambito for profit. Scopri di più sui docenti: Christian Elevati e Cecilia Rossi Romanelli.

Partner del corso

Il corso è stato realizzato in partnership con i seguenti enti

Recensioni degli utenti

Da pochi giorni si è conclusa la prima edizione del corso “Co-progettare con la Teoria del Cambiamento” proposto da Reattiva. Per me è stata un’esperienza positiva a 360 gradi. Posso dire di avere sperimentato un'elevata qualità dei contenuti delle lezioni, un'organizzazione professionale delle attività didattiche, un clima di lavoro interattivo e stimolante. Spero di potere avere l’occasione di frequentare presto altri corsi. Grazie!

Margherita

Il corso è stato molto interessante e vi devo ringraziare perché il contesto in cui si è svolto mi ha permesso di apprendere senza mai sentirmi inadeguata. Grazie mille a Giacomo, Christian e Gianluca per la preparazione e a tutti i colleghi e le colleghe per lo scambio d’idee. Avanti tutta!

Francesca

Condividi il corso